Disciplinare del Tribunale di Roma

 

 

ALITALIA – Linee Aeree Italiane s.p.a. in A.S. n. 1/2008

 

ALITALIA EXPRESS s.p.a. in A.S. n. 2/2008

 

VOLARE s.p.a. in A.S. n. 3/2008

 

ALITALIA SERVIZI s.p.a. in A.S. n. 4/2008

 

ALITALIA AIRPORT s.p.a. in A.S. n. 5/2008

 

*    *    *    *

 

Il Tribunale di Roma – sezione fallimentare

 

premesso

 

a)      in considerazione del numero dei creditori coinvolti nelle procedure di amministrazione straordinaria cui sono sottoposte le imprese sopra indicate e, conseguentemente, del numero di istanze di ammissione allo stato passivo che saranno probabilmente presentate da parte del ceto creditorio;

 

b)     che, al fine di assicurare che le operazioni di deposito delle istanze avvenga in maniera ordinata e per garantire il corretto svolgimento delle attività di accertamento dello stato passivo, appare opportuno disciplinare le modalità di presentazione delle istanze di ammissione allo stato passivo da parte dei creditori.

 

Tutto ciò premesso,

 

stabilisce

 

1)      ogni creditore potrà fare valere le proprie ragioni di credito mediante presentazione di apposita istanza da presentarsi a mano presso la cancelleria del Tribunale di Roma (stanza n. 49 piano primo), ovvero inviate tramite posta raccomandata presso il seguente indirizzo:

 

Cancelleria del Tribunale di Roma

 

Sezione fallimentare
viale Giulio Cesare 54/B

 

Stanza 49

 

00192 Roma – Italia

 

 

2)      per facilitare l’acquisizione dei dati su supporto informatico le domande di ammissione allo stato passivo dovranno essere presentate secondo i modelli reperibili presso il sito Internet della procedura www.alitaliaamministrazionestraordinaria.com oppure www.alitaliaamministrazionestraordinaria.it;

 

 

3)      le domande di insinuazione al passivo dovranno essere redatte in duplice copia, e cioè un originale (che sarà depositato e custodito in Tribunale) ed una copia ad uso del Commissario straordinario con onere dell’istante di apporre su entrambe le copie la dichiarazione che “la copia prodotta per il commissario è conforme all’originale”;

 

 

4)      fermo quanto previsto al punto precedente, ed al fine di facilitare l’esame delle domande da parte del Commissario straordinario, le stesse potranno essere depositate anche in formato “pdf” su supporto informatico;

 

 

5)      ogni domanda di insinuazione dovrà essere corredata dalla pertinente documentazione non essendo consentito il richiamo a documentazione depositata in altre insinuazioni anche se di contenuto o natura analoghi;

 

 

6)      non saranno accettate domande multiple (relative a più soggetti) dovendo ciascun creditore depositare una domanda di ammissione al passivo, salvo eventuali future disposizioni per particolari categorie di creditori;

 

 

7)      in caso di integrazione documentale (che dovrà essere depositata in ogni caso in originale oltre ad una copia per il Commissario straordinario) il creditore dovrà fornire al momento del deposito gli elementi necessari per ricollegare l’atto all’insinuazione cui si riferisce, ogni integrazione dovrà riferirsi ad una sola domanda, non saranno pertanto accettate integrazioni multiple;

 

 

8)      ciascun creditore che ha la residenza abituale, il domicilio o la sede di uno stato membro dell’Unione Europea diverso dall’Italia, può redigere la domanda di insinuazione del credito nella lingua ufficiale, o in una delle lingue ufficiali, di questo stato; tuttavia potrà essere chiesta al creditore una traduzione in lingua italiana.

 

 

9)      l’apertura della cancelleria per il ricevimento delle domande di insinuazione allo stato passivo è dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00; la cancelleria è facilmente raggiungibile entrando da viale Giulio Cesare, 54 B, al primo piano stanza 49;

 

 

10)   ulteriori informazioni potranno essere reperite sui siti www.alitaliaamministrazionestraordinaria.it o www.alitaliaamministrazionestraordinaria.com.

 

 

Roma, ottobre 2008

 

 

 

 


 

 

Disciplinare del Tribunale di Romaultima modifica: 2008-10-25T11:59:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Disciplinare del Tribunale di Roma

Lascia un commento